Alfa Romeo Spider 1.3 1968

L’Alfa Romeo Spider denominata anche Osso di seppia, o Coda filante come viene chiamata in Germania, è arrivata da noi per problemi di accensione al motore, poi abbiamo verificato che il pignone del motorino di avviamento si era rotto ed era andato perso. Abbiamo preso parte di altri motorini di avviamento e abbiamo provveduto a ripararlo nei migliori dei modi.
Con la vettura posizionata sul ponte sollevatore, ci siamo accorti che il vano motore oltre ad essere disordinato e sporco presentava delle parti di ruggine.
Abbiamo tolto tutta la vernice per andare a vedere cosa ci fosse sotto e abbiamo trovato tanta ruggine annidata sotto la tinta originale. Abbiamo carteggiato tutto il vano e poi abbiamo spruzzato un fondo anti ruggine (EPOFAN) per poi spruzzare la tinta originale della macchina con cui è stata costruita e cioè il Biancospino codice colore Ar 013.
In fase di montaggio del motore mio padre ha voluto controllare lo stato della scocca in corrispondenza dei punti dove viene presa con il crick e ha notato che erano fortemente danneggiati dalla ruggine, come anche il pavimento dove il passeggero ed il guidatore sono posizionati. Visto la mole di lamiere sovrapposte, abbiamo guardato anche la parte posteriore nella zona immediatamente sotto ai sedili posteriori e abbiamo notato una presenza massiccia di antirombo. La cosa ci ha insospettito e abbassata la scocca siamo andati a vedere dentro l’abitacolo sollevando i tappeti in corrispondenza dei punti danneggiati. Mentre sugli angoli dove solitamente ci sono gli appigli per il crick notavamo anche da dentro l’abitacolo una presenza massiccia di sovrapposizione di lamiere rivettate una sopra l’altra.
Quando la proprietaria è tornata in officina è rimasta di pietra perché non si aspettava quanto le stavamo facendo vedere e è stata dura anche per noi farle capire che il danno non era circoscritto solo in quei punti. In sua presenza siamo andati a togliere con un apposito martello, che di solito si usa per togliere l’eccedenza della saldatura ad elettrodo, l’anti rombo e la resina presenti nell’area sotto i sedili posteriori. In alcuni punti abbiamo dovuto rimuovere resina e altri materiali simili per oltre due dita di spessore, chi aveva messo mano in precedenza lo aveva fatto appositamente per mascherare il marcio delle lamiere sottostanti nascondendolo il più possibile.
Quindi abbiamo fatto i seguenti lavori:
- Sostituzioni totale dei Lamierati danneggiati, pavimento anteriore e posteriore, appoggi dei crick, scatolati sotto i sedili posteriori (modellati a mano e posizionati sulla vettura in quanto non presenti come parti di ricambio in commercio), sostituzioni di alcuni lamierati del muso vicino al radiatore, sostituzione dei lamierati dei parafanghi anteriori destro e sinistro. Per sicurezza abbiamo visionato i sottoporta destro e sinistro per andare ad ispezionare dentro ai longheroni delle porte. Solo per togliere le lamiere marce dalla ruggine ci sono volute settimane di lavoro ed è stata davvero dura perché in alcuni punti c’erano fino a 4 lamiere sovrapposte.
- Scocca: è stata portata a nudo, tolta le vernice, spruzzato un fondo anti ruggine e poi abbiamo iniziato la stuccatura e la rasatura per rendere le superfici lisce e belle come è giusto per una vettura di questo genere. Spruzzato la tinta originale come da certificato Alfa Romeo in merito al numero di telaio e poi rimontate tutte le due parti. Una menzione sul cofano posteriore: è stata tagliata la parte rotonda finale del cofano perché anch’essa danneggiata dalla ruggine.
- Ciclistica: è stata smontata pezzo per pezzo, sabbiata e verniciata di colore nero semilucido cambiando quelle parti che sono soggette ad attrito e che non ci garantivano una buona e sicura esecuzione del lavoro.
Il lavoro è stato molto lungo e dettagliato e omettiamo altri particolari per non dilungarci troppo, ci piace sottolineare che questa qui sopra è parte della relazione tecnica, che facciamo alla fine di ogni restauro e che consegniamo al proprietario insieme ad un book fotografico o dvd, che attestano tutte le fasi di lavoro dell’auto.
Purtroppo la nostra cliente credeva di aver comprato, non da noi ovviamente, uno spider Osso di seppia in buone condizioni, in realtà è stata dovuta restaurata al 100%.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.